TFA sostegno VI ciclo: i requisiti per partecipare

legge-sostegno

Una precisazione del Miur puntualizza in maniera netta una delicata questione relativa al TFA sostegno VI ciclo, finora oggetto di dibattito e che sollevava diversi dubbi. La legge vigente, in base a quanto spiega il ministero, impedisce la partecipazione alle selezioni per classi di concorso ad esaurimento o non più previste dagli ordinamenti.

Inoltre, viene precisato quali siano i requisiti di accesso per la scuola secondaria I e II grado. In primis è necessaria una abilitazione specifica per la classe di concorso. In alternativa, è possibile esibire come requisito la laurea magistrale o a ciclo unico. E’ valido anche il diploma di II livello dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica, oppure titolo equipollente ed equiparato.

L’importante, spiega il ministero, è che si tratti di titoli che siano riconosciuti come coerenti con le classi di concorso vigenti. La data che fa fede è quella dell’indizione del concorso + 24 CFU nelle discipline antropo-psico-pedagogiche e nelle metodologie e tecnologie didattiche. Diverso il discorso per quel che riguarda gli insegnanti tecnico pratici. Per loro, è possibile accedere anche solo con il diploma. Niente da fare per chi possiede laurea + tre anni di servizio.

Per quel che riguarda le classi di infanzia e primaria, i titoli necessari sono laurea in Scienze della formazione primaria o Diploma Magistrale. I candidati devono vantare tre anni di servizio specifico. Possono accedere direttamente alle prove scritte coloro che nei dieci anni scolastici precedenti possano vantare almeno tre annualità di servizio. La buona notizia è che questi tre anni non devono essere necessariamente consecutivi.

Ti è piaciuto il nostro articolo?

Per continuare a rimanere aggiornato su tutte le novità del mondo del lavoro nelle scuole, iscriviti alla nostra newsletter, clicca qui.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *