Test Medicina 2018: presto disponibili migliaia di posti in più

test-medicina-2018

Forse il giorno dell’abolizione dei test d’ingresso a Medicina è ancora lontano, ma nel frattempo ci sono buone possibilità che i posti a disposizione aumentino.

E non ci riferiamo solo alle disposizioni per i prossimi anni, quanto ai ricorsi in via di accoglimento che dovrebbero mettere a disposizione migliaia di posti in più per coloro i quali vogliono entrare a far parte di questa facoltà.

Secondo le stime dei legali che stanno curando i ricorsi, dovrebbero essere migliaia in più i posti messi a concorso per il test di medicina. Il ricorso presentato al Consiglio di Stato costituisce in questo senso un’importante vittoria.

Immediato ricalcolo dei posti disponibili

L’ordinanza di Stato che di fatto ha accolto il ricorso ha anche comunicato al Ministero la necessità di effettuare un immediato ricalcolo dei posti disponibili messi a concorso per il test dello scorso anno.

Per procedere a questo nuovo conteggio dei posti, bisognerà tener conto di una serie di elementi come il numero dei posti vacanti e non assegnati e il reale fabbisogno di medici.

Non ci sono ancora certezze, ma i legali che stanno curando gli interessi dei ricorsisti si dicono fiduciosi. Il ricorso poggia su solide basi, come il fabbisogno effettivo dei medici. Ma non solo: tra i contenuti portati al Consiglio di Stato anche la disponibilità degli atenei e i posti vacanti.

Tra questi ci sono quelli non assegnati, che siano extra UE o che derivino da abbandoni o trasferimenti. Sono tutti posti validi per il test 2017, ma che potranno valere anche per il test medicina 2018.

I posti disponibili potrebbero aumentare

Il risultato finale, come si augurano i legali e i loro assistiti, è che i posti disponibili potrebbero aumentare di migliaia.

A fare il gioco degli avvocati il fatto che quest’anno il test medicina 2018 ha registrato un boom di irregolarità. Gli studi legali di riferimento stanno registrando migliaia e migliaia di segnalazioni. Certo non tutte corrispondenti a effettive irregolarità, ma una parte sicuramente sì.

In particolare, si segnala lo scorretto utilizzo degli smartphone. Ma non solo: in molti hanno segnalato l’anomalia delle ricerche su Google effettuate proprio durante il test, e che costituirebbe una prova del fatto che molti candidati del test sono riusciti ad accedere alla rete, nonostante fosse vietato, dopo l’inizio del questionario.

Per immatricolarsi si potrebbero aspettare anche 12 mesi

I tempi del ricorso per il test medicina 2018 sono incerti, e per immatricolarsi si potrebbero aspettare anche fino a 6/12 mesi.

Ti è piaciuto il nostro articolo?

Per continuare a rimanere aggiornato su tutte le novità del mondo del lavoro nelle scuole, iscriviti alla nostra newsletter cliccando qui e metti mi piace alla nostra pagina di Facebook. :-)




    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *