Supplenze Gps, sito Istanze Online in tilt

Negli ultimi giorni il sito Istanze Online è andato in tilt. L’informatizzazione nomine supplenze si è rivelato certamente un ottimo metodo per velocizzare ed automatizzare tutta la procedura. Una gestione online indispensabile considerata l’elevatissima mole di domande che il ministero si ritrova a gestire a pochi giorni dall’avvio del nuovo anno scolastico.

Proprio in virtù di questa urgenza, il fatto che il sito Istanze Online, nella mattinata di mercoledì, sia andato in tilt costituisce un ulteriore problema per quanti ancora non hanno provveduto all’inserimento delle domande. Va tenuto presente che non tutti i candidati che non hanno provveduto all’inserimento delle domande non lo hanno fatto per semplice “ritardo”.

Per maggiori info clicca qui!

In molti hanno dovuto attendere la pubblicazione delle disponibilità da parte delle scuole, che in alcuni, singoli casi, non è ancora completata. Questi malfunzionamenti rischiano di intasare ulteriormente il sistema, in vista degli ultimi giorni disponibili per l’invio delle domande tramite Istanze Online. A questo punto diventano decisivi i tempi di risoluzione di questi problemi.

Se si risolveranno in pochi minuti o in poche ore, si riuscirà a snellire e gestire comunque le domande in tempo utile per la scadenza di sabato a mezzanotte. Ma se i problemi dovessero permanere, fino alla chiusura della presentazione delle domande, non è escluso che si debba ricorrere a una proroga delle scadenze, come del resto chiesto per altre varie motivazioni dai sindacati. Ne abbiamo già parlato in questo articolo.

Richiesta per il momento inascoltata. Anche perchè va tenuto presente che il ministero ha necessità di rispettare i tempi in vista del nuovo anno scolastico. Ma se le difficoltà nell’inserimento domande dovessero proseguire, la proroga diventerà inevitabile per non provocare ulteriori proteste

Ti è piaciuto il nostro articolo?

Per continuare a rimanere aggiornato su tutte le novità del mondo del lavoro nelle scuole, iscriviti alla nostra newsletter, clicca qui.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *