Rinnovo contratti organico Covid Ata: Governo al lavoro per una soluzione

Il rinnovo del contratto covid dei docenti è sicuro, ma l’esclusione del personale tecnico amministrativo stava scatenando non poche polemiche per una disparità di trattamento che stride con l’importanza che gli Ata rivestono nelle dinamiche del corretto funzionamento scolastico. Sull’argomento puoi leggere qui!

Uno spiraglio sembra aprirsi e l’occasione per parlarne è stata l’interrogazione parlamentare alla presenza del sottosegretario all’Istruzione Barbara Floridia.

Tra le questioni sottoposte all’esponente del Governo c’era anche questa del rinnovo dei dipendenti Ata che al momento vedranno il loro contratto scadere il 31 dicembre 2021.

Il sottosegretario ha avuto modo di rassicurare i diretti interessati che il Governo non si è dimenticato della questione nè la ritiene archiviata.

So, da donna di scuola, quanto sia importante il lavoro del personale tecnico-amministrativo. È mia ferma decisione trovare le soluzioni per valorizzare la figura del DSGA. Tutte le iniziative per mettere in sicurezza le scuole non avrebbero prodotto i risultati che hanno prodotto senza il contributo del personale Ata. In legge di bilancio abbiamo rinnovato le risorse per i docenti fino al 30 giugno: ora è nostra volontà mettere in essere ulteriori iniziative per prorogare anche i contratti dell’organico Covid per gli Ata, prorogati attualmente fino al 31 dicembre, perché siamo coscienti che contribuiscono a garantire la sicurezza nelle scuole, molto importante in questo periodo”, afferma l’esponente di governo rispondendo ad un’interrogazione parlamentare presentata da Alessandra Carbonaro, esponente del M5S. Per approfondire clicca qui.

E’ un problema, come sempre, di soldi e di fondi, ma è intenzione della maggioranza trovare una soluzione per rinnovare anche i contratti Covid degli Ata fino a giugno 2021 come per i docenti.

Ti è piaciuto il nostro articolo?

Per continuare a rimanere aggiornato su tutte le novità del mondo del lavoro nelle scuole, iscriviti alla nostra newsletter, clicca qui.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *