Rientro a scuola, l’Oms inizia a dettare le linee guida

In vista della riapertura delle scuole per settembre sarà necessario rispettare anche le indicazioni dell’Oms.

Se da un lato sembra sempre più probabile un avvio dell’anno scolastico che rispetti i tempi previsti dell’ordinamento pre-coronavirus, dall’altro lato sembra difficile, nonostante il buon andamento dell’epidemia, che si possa fare come nulla fosse, almeno inizialmente.

La paura è che con l’autunno prima e l’inverno poi il contagio possa ripresentarsi, e allora, per evitare di dover cambiare tutto in corsa, si sta pensando alla maniera ottimale per farsi trovare pronti, cercando di coniugare esigenze di alunni e insegnanti (e genitori) con la minima sicurezza doverosa in un contesto come questo.

Le linee guida sono ancora tutte da ufficializzare, ma le prime indicazioni vanno verso l’obbligatorietà di dispositivi di protezione al volto per gli studenti di età superiore ai 6 anni e distanziamento di almeno un metro e mezzo tra un ragazzo e l’altro.

Distanziamento che sarà certamente più semplice da monitorare e imporre in aula. Più difficile, inevitabilmente, sarà gestire i corridoi e le fasi di entrata e uscita da scuola, considerato che in queste circostanze l’assembramento è una costante del mondo della scuola.

Le mascherine, naturalmente, dovranno essere indossate anche da insegnanti e personale della scuola.
A corredo di tutto ciò, non potrà mancare una corretta igienizzazione degli ambienti, quotidiana, un invito all’igiene delle mani e una riduzione al minimo dei contatti, a cominciare dai saluti.

Tutte le scuole dovranno disporre di dispensatori di gel idroalcolico o sapone e acqua pulita. Occhio di riguardo anche per la sanificazione di libri e tutto il materiale didattico, con particolare attenzione ai servizi igienici, che potrebbero essere presidiati in pianta stabile da addetti alle pulizie che garantiscano un’igiene costante. Inevitabile immaginare, almeno nel primo periodo, un clima particolarmente rigido per quel che riguarda comportamenti e regole.

Ti è piaciuto il nostro articolo?

Per continuare a rimanere aggiornato su tutte le novità del mondo del lavoro nelle scuole, iscriviti alla nostra newsletter, clicca qui.




    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *