Requisiti concorso straordinario, non bastano i tre anni di servizio

insegnante che fa calcoli per la quota 100

Il Concorso straordinario per il ruolo è un concorso nazionale, ma la suddivisione delle prove avverrà a regione per regione.

Potrà partecipare al bando quella parte di docenti in possesso di specifici requisiti.  Innanzitutto va detto che possono partecipare al concorso anche i docenti di ruolo. I candidati dovranno aver cumulato, negli ultimi dieci anni scolastici, almeno tre annualità di servizio; la buona notizia è che non necessariamente dovranno essere consecutivi, cosa che non tutti possono vantare.

E’ valido anche il servizio svolto su posto di sostegno, anche se a questo non si aggiunge la specializzazione.

Le noti dolenti arrivano nel momento in cui si fanno i conti con le specifiche stringenti del bando relative alla classe di concorso. Infatti per disporre dei requisiti validi, è necessario poter vantare almeno un anno di servizio, “nella specifica classe di concorso o nella tipologia di posto per la quale si concorre”.

Non bastano quindi le tre annualità di servizio (anche non consecutive). Se da un lato per arrivare al computo totale si può fare ricorso al servizio svolto su posto di sostegno senza specializzazione, dall’altro è necessario che ci sia il servizio svolto nella specifica classe di concorso.

Ti è piaciuto il nostro articolo?

Per continuare a rimanere aggiornato su tutte le novità del mondo del lavoro nelle scuole, iscriviti alla nostra newsletter, clicca qui.




    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *