Personale ATA: nuove assunzioni previste a gennaio

bambino a scuola, dove ci saranno nuove assunzioni del personale ata.

Non sono sufficienti i numeri relativi al personale ATA. Serve più personale specializzato per far fronte alle necessità della scuola.

Lo sostiene il segretario regionale della Flc Cgil Sicilia, Adriano Rizza.

Il caso di Milano

Citando il fatto del bimbo di Milano, ha dichiarato che questa è:

l’ennesima dimostrazione che nelle nostre scuole, oltre allo stato di abbandono in cui spesso versano, c’è una grave carenza di personale scolastico addetto alla vigilanza. Carenze su cui è urgente intervenire.

Chiarendo che bisogna dare ai dirigenti scolastici risorse, strutture e personale adeguati, Rizza ha spiegato:

Il ruolo svolto dagli Ata è indispensabile non solo per garantire l’erogazione dei vari servizi ausiliari all’attività educativa, ma anche l’assistenza agli alunni e la loro sicurezza.

A suffragio della sua tesi, il fatto che solo in Sicilia, servirebbero altre 200 unità per rispondere al fabbisogno minimo richiesto dalle scuole.

Gli ATA e il Decreto salva-precari

Va anche tenuto presente che, come sottolineato anche da Anief, nel decreto salva-precari approvato in Consiglio dei ministri:

non vi è alcun progetto di stabilizzazione per il personale ATA, sebbene vi siano oltre 20 mila posti vacanti e disponibili, con un numero ancora più alto di lavoratori precari che hanno abbondantemente superato i 36 mesi di servizio.

In questo senso qualcosa si sta muovendo da parte del nuovo Governo.

Non ci sono ancora certezze, ma le intenzioni dell’esecutivo, per far fronte alle necessità di cui sopra, sono quelle di dare il via a nuova assunzioni previste per gennaio. Dunque, nelle prossime settimane che ci portano alla fine dell’anno potrebbero arrivare notizie importanti in merito.

Ti è piaciuto il nostro articolo?

Per continuare a rimanere aggiornato su tutte le novità del mondo del lavoro nelle scuole, iscriviti alla nostra newsletter, clicca qui.




    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *