PAS con tre anni di servizio su sostegno: c’è il via libera

scrivania di docente che partecipa ai pan per abilitati nel sostegno

Inizia a diventare argomento di discussione la modalità di attuazione dei PAS, Percorsi Abilitanti Speciali.

In particolare ci si chiede quali siano i requisiti di accesso, i tempi di attuazione, le prospettive professionali.

I requisiti

I requisiti di accesso sono indicati nel documento dei sindacati FLCGIL, CISL, UIL, SNALS e GILDA.

  • Il Pas è aperto a tutti i docenti con tre annualità di servizio nelle scuole statali, paritarie e percorsi di istruzione e formazione professionale limitatamente all’obbligo scolastico.
  • È aperto alla partecipazione anche del personale di ruolo e ai dottori di ricerca.

È bene tenere presente che i Pas sono riservati unicamente alla scuola secondaria.

  • Le tre annualità di servizio su sostegno (o servizio misto posto comune + sostegno) saranno valide per l’accesso al PAS.

I 3 anni

Nell’accordo si fa riferimento alle “tre annualità di servizio”.

Per quel che riguarda il personale di ruolo il riferimento è alle tre annualità, che possano essere svolte anche con contratto a tempo indeterminato.

Per i dottori di ricerca, è necessario valutare se l’iter parlamentare manterrà l’accesso senza servizio, vale a dire il servizio prestato per almeno 180 giorni o il servizio prestato ininterrottamente dal 1° febbraio sino al termine delle operazioni di scrutinio.

Attivazione, programma ed esito

Il PAS potrà essere attivato, una tantum, entro il 2019. Poi spetterà alle Università, in base alle iscrizioni, stabilire se attivare più cicli annuali.

Il programma prevede che i primi docenti salgano in cattedra da abilitati dal 1° settembre 2020.

In questo modo si potrebbe arrivare all’inserimento nella II fascia delle graduatorie di istituto e l’assunzione nelle scuole paritarie.

Ti è piaciuto il nostro articolo?

Per continuare a rimanere aggiornato su tutte le novità del mondo del lavoro nelle scuole, iscriviti alla nostra newsletter, clicca qui.




    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *