Niente quarantena per i docenti vaccinati: il Cts ci pensa

Quale differenza ci sarà, rispetto allo scorso anno, per quanto che riguarda quarantena e didattica a distanza?

Se in virtù della quasi totalità delle vaccinazioni dei docenti e del buon risultato ottenuto dagli studenti, si rischia ancora la didattica a distanza, a cosa è servito tutto questo?

Queste sono le domande più ricorrenti che in molti si pongono in questo periodo di ripresa delle lezioni a pieno regime.

Lo scopo è cercare di tenere le scuole aperte il più possibile per restituire ai ragazzi la normalità persa negli ultimi due anni e per fare questo bisognerà continuare a spingere sulla campagna vaccinale per chi ha dai 12 anni in su.

Allo stesso tempo servirà una revisione delle regole per chi ha fatto la doppia dose di vaccino, perchè al momento sembra anacronistico l’obbligo, sia pur ridotto, di quarantena per chi ha completato il doppio ciclo di immunizzazione.

La ministra per le Pari opportunità e la famiglia Elena Bonetti ha chiesto una revisione della regole delle quarantene per i vaccinati che hanno avuto contatti stretti con un contagiato.

Al momento affronta la quarantena solo chi sarà riconosciuto contatto stretto di un positivo al Covid-19, con una differenza tra chi è vaccinato (7 giorni di quarantena) e chi non lo è (10 giorni di quarantena).

La proposta è che gli insegnanti con doppia vaccinazione per i quali la quarantena di 7 giorni potrebbe essere ridotta o sostituita con altri strumenti, come il tampone. In questo senso a breve si esprimerà il Cts.

Un passo in avanti c’è stato, perchè saranno le singole classi ad andare in quarantena e non più l’intero istituto. Il passo successivo potrebbe essere quello di passare alle micro bolle per gli studenti vaccinati su modello tedesco. Leggi qui

Inoltre, si sta pensando da parte del Governo a un supporto normativo per i genitori che devono rimanere a casa nel caso della quarantena dei figli, come i congedi Covid straordinari per madri e padri con figli fino ai 14 anni retribuiti al 50%.

Ti è piaciuto il nostro articolo?

Per continuare a rimanere aggiornato su tutte le novità del mondo del lavoro nelle scuole, iscriviti alla nostra newsletter, clicca qui.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *