Graduatorie e punteggi: il metodo Montessori

Continua l’approfondimento sui corsi più interessanti e utili da seguire, per i docenti che vorrebbero aumentare il proprio punteggio e risalire la graduatoria. Questa settimana ci rivolgiamo agli insegnanti di scuola dell’infanzia e primaria, parlando del metodo Montessori.

La storia

Maria Montessori fu una delle prime donne a laurearsi in Medicina nel nostro Paese: da qui partirono poi i suoi ulteriori studi, che ci permettono di definirla scienziata, filosofa, educatrice e pedagogista.

Le sue idee vennero sviluppate sul finire dell’800, quando l’istruzione seguiva schemi rigidi e molto severi già dall’età più tenera, e trovarono la consacrazione nel 1909, in un testo che è alla base della pedagogia moderna: Il metodo della pedagogia scientifica applicato all’educazione infantile nelle Case dei Bambini.

Questo nuovo approccio si diffuse, a partire dal 1911, negli Stati Uniti e, nonostante le critiche mosse da altri pedagogisti, è ancora oggi in uso in moltissime scuole: se ne contano 20.000 in tutto il mondo completamente basate sull’educazione montessoriana.

Le idee e il metodo

Il punto di partenza della riflessione di Montessori e della successiva costruzione di un nuovo sistema educativo è riassunto in queste parole:

Nella concezione di Maria Montessori, l’educazione non è un episodio della vita: essa dovrebbe cominciare con la nascita e durare così a lungo come la vita stessa. L’educazione è concepita da lei non soltanto come una “trasmissione di cultura”, ma piuttosto come un aiuto alla vita in tutte le sue espressioni.

Il bambino va e-ducato, va condotto verso l’espressione di sé, attraverso un percorso spontaneo, in un ambiente adeguato, senza forzature e rendendolo protagonista del processo, che parte dai 3 anni e arriva alla maggiore età o anche oltre.

 

 

Come fare? Questi sono quelli che potremmo definire i 10 “comandamenti” dell’educazione montessoriana, tratti dal testo Educare alla libertà, attraverso cui si sviluppa la conoscenza di sé e del mondo esteriore, delle proprie potenzialità e aspirazioni:

  1. Il bambino è protagonista, deve essere avviato all’indipendenza, raggiungere in modo autonomo i suoi traguardi.
  2. L’educatore è una presenza costante per il bambino, ma mai primaria: fa da angelo custode, lo accompagna nel processo in modo silenzioso ma attento.
  3. Non impedire mai al bambino di fare: mai dire a un piccolo allievo che è troppo piccolo per compiere un gesto.
  4. Far sì che il bambino sia attento ai dettagli, ai particolari, ad operare con precisione: così imparerà a controllare meglio i movimenti, e ad armonizzarli.
  5. Non forzare il bambino.
  6. Far vivere il piccolo a contatto con la natura.
  7. Insegnare a prendersi cura di un fiore o di un animale stimola la responsabilizzazione del bimbo.
  8. Cercare il talento del bambino e permettigli di sviluppare i suoi talenti, indirizzandolo e mai parlandone male.
  9. Creare un ambiente di apprendimento idoneo e accogliente.
  10. Accompagnare il bambino e allievo nella scoperta della vita:

Il bambino è come un viaggiatore che osserva le cose nuove e cerca di capire il linguaggio sconosciuto di chi lo circonda. Noi adulti siamo i ciceroni di questi viaggiatori che fanno il loro ingresso nella vita umana.

Il metodo montessoriano e i docenti

Esistono molti corsi sul metodo Montessori, pensati per i docenti che lavorano ogni giorno con i più piccoli: sono molto interessanti, ed è un genere di formazione molto richiesto oggi. Ovviamente consigliamo questo approfondimento solo ai docenti di scuole dell’infanzia e primarie, che potrebbero sfruttare al meglio quotidianamente gli insegnamenti appresi.
Seguendo delle lezioni potresti anche migliorare il tuo punteggio e, di conseguenza, la tua posizione in graduatoria: ne abbiamo già parlato qui!

 

Se hai dubbi o hai bisogno di qualche consiglio, chiedi ai nostri esperti!

 

Ti è piaciuto il nostro articolo?

Per continuare a rimanere aggiornato su tutte le novità del mondo del lavoro nelle scuole, iscriviti alla nostra newsletter, clicca qui.




    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *