Insegnanti di sostegno: mancanza di personale e MAD

insegnanti-sostegno-mad

L’anno scolastico è ormai iniziato in tutta Italia, ma le immissioni in ruolo non sono andate proprio come ci si augurava: rimangono molti posti vacanti, soprattutto per quanto riguarda il sostegno.

Previsioni e realt

Secondo quanto previsto dal Miur i posti disponibili dovevano essere 57.322, ma con le lezioni ormai al via, le nomine in ruolo effettuate sono state solo 25.105.

Anche se nella seconda metà dell’anno, quindi fino a dicembre, ci saranno nuove assunzioni, si andrebbero a recuperare circa 10.000 posti a fronte dei 32.000 persi.

La situazione diventa ancora più critica se guardiamo proprio al settore sostegno.

L’emergenza sostegno

Il Ministero sembra trovarsi proprio di fronte a un’emergenza, in quanto molti degli insegnanti di sostegno nominati non hanno le qualifiche necessarie e sono quindi tantissimi i non specializzati che siedono in cattedra.

  • Al Nord i posti assegnati sono solo del 4,4 %.
  • Al Centro del 26,3 %.
  • Al Sud del 59,6 %.

In totale su 13.329 posti disponibili per insegnanti di sostegno, ne sono stati assegnati solo 1.682, il 12,6%.

Le soluzioni

Come risolvere questa situazione?

Il governo sta pensando a una misura speciale, con l’introduzione al più presto di percorsi di specializzazione sul sostegno per tutti i gradi di istruzione: ciò permetterebbe di avere, finalmente, una buona classe di docenti formati e pronti a ricoprire un ruolo così delicato.

Nel frattempo, per coprire le carenze, le scuole si stanno rivolgendo ai candidati tramite messa a disposizione: ad avere la precedenza, ovviamente, è chi ha conseguito la specializzazione.

Ma, visto il momento critico e non solo sul sostegno, sono moltissimi quelli che si stanno candidando tramite MAD, anche non avendo pieno titolo.

Se vuoi inviare anche tu la domanda di messa a disposizione, ti consigliamo di provare il portale MAD Online: semplice da usare, sicuro e trasparente, con assistenza garantita, via chat, mail e telefono. Prova subito!

Ti è piaciuto il nostro articolo?

Per continuare a rimanere aggiornato su tutte le novità del mondo del lavoro nelle scuole, iscriviti alla nostra newsletter cliccando qui e metti mi piace alla nostra pagina di Facebook. :-)




    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *