Immissioni in ruolo infanzia primaria e graduatorie concorso straordinario

disegni in scuola dell'infanzia e primaria

Non è ancora decollata la questione relativa alle immissioni in ruolo dei docenti per l’a.s. 2019/20.

L’attesa è tutta per le decisioni del Ministero che a breve dovrebbe inviare agli Uffici scolastici la distribuzione ufficiale del contingente. Nel frattempo però gli uffici scolastici stessi, al fine di non compromettere l’avvio dell’anno scolastico assicurando la presenza dei docenti in cattedra dal 1° settembre, hanno dato avvio alle operazioni preliminari.

I primi passaggi

Questo ha portato alla comunicazione delle prime relative istruzioni in Lombardia, Toscana, Puglia.

L’invio della distribuzione del contingente è previsto per oggi 26 luglio.

Intanto è già nota,a per le immissioni in ruolo infanzia e primaria, la procedura da seguire. Il 50% dei posti disponibili è destinato alle graduatorie dei concorsi, l’altro 50% alle graduatorie ad esaurimento.

Nel caso di esaurimento delle GaE, i posti a queste destinati vanno ai concorsi. Invece se si dovesse verificare l’esaurimento delle GM 2016, i posti vanno alle GMRE 2018.

I posti destinati ai concorsi

Il 50% dei posti destinati ai concorsi sono così assegnati:

  1. GM del concorso 2016
  2. in subordine GMRE 2018 (concorso straordinario)

Per quel che riguarda il concorso straordinario, è bene ricordare che vanno considerate unicamente le graduatorie pubblicate entro il 30 luglio.

Questo non riguarda alcune regioni in cui ci sono ancora elenchi lunghi delle graduatorie concorso 2016. Invece per altre regioni il tempo stringe.

Scelta delle sedi

Intanto per la scelta delle sedi per la prima fascia delle graduatorie di istituto, la scadenza è fissata al 29 luglio ore 14. Il Miur ha inserito su Istanze online le istruzioni aggiornate per la compilazione del modello B.

Gli aspiranti potranno scegliere gli insegnamenti e le sedi, nel rispetto dei limiti normativi che regolano i controlli effettuati dall’applicazione.

Ti è piaciuto il nostro articolo?

Per continuare a rimanere aggiornato su tutte le novità del mondo del lavoro nelle scuole, iscriviti alla nostra newsletter, clicca qui.




    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *