Immissioni in ruolo 2019: le cifre per docenti, ATA e personale educativo

scrivania di docente impegnato in immissioni in ruolo 2019

Iniziano a delinearsi i contorni per le immissioni in ruolo a.s. 2019/20. Il Ministero ha reso noti i numeri per docenti, ATA e personale educativo. Sono stati per il momento autorizzati solo quelli degli insegnanti.

Assunzioni e supplenze

Il Mef ha autorizzato 53.6267 assunzioni per il personale docente nell’a.s. 2019/20.

Un numero leggermente inferiore se lo si paragona alla richiesta iniziale del Ministero, con un taglio di circa 5.000 posti. A farne le spese soprattutto i posti di sostegno nelle regioni del nord. Ma si tratta di posti le cui graduatorie sono vuote, il che lascia pensare che i posti sarebbero comunque rimasti vacanti. Un metodo simile sarà utilizzato per tagliare posti dalle classi di concorso.

Oltre questi 5.000 posti, ce ne sono altri 6.000 – 7.000 circa che sono disponibili ma che non verranno coperti da assunzioni. Totale 12.000 posti vuoti che andranno prima ad assegnazione provvisoria e poi a supplenza fino al 31 agosto.

A questo numero va aggiunto tutto l’organico di fatto e i posti di sostegno in deroga, per un totale di 150-160mila supplenze.

Posti disponibili

Questi i posti disponibili in seguito ai trasferimenti:

Personale docente (comune + sostegno):

  • Infanzia: 4.082
  • Primaria: 6.897
  • I grado: 24.587
  • II grado: 23.082

Totale: 58.646 

Alcuni dati regionali:

  • Infanzia: in Lombardia circa 600 posti disponibili tra comune e sostegno; quasi 500 in Piemonte e 400 in Puglia;
  • Primaria: in Emilia Romagna circa 1200 posti disponibili tra comune e sostegno, circa 600 nel Lazio e 500 in Liguria;
  • I grado: solo per il sostegno ci sono 555 posti disponibili in Emilia Romagna e 2.553 in Lombardia
  • II grado: solo per il sostegno 699 posti in Lombardia e 396 in Piemonte.
  • ATA: richieste 8.408 assunzioni

Ti è piaciuto il nostro articolo?

Per continuare a rimanere aggiornato su tutte le novità del mondo del lavoro nelle scuole, iscriviti alla nostra newsletter, clicca qui.




    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *