Graduatorie d’Istituto prima fascia: domande dal 29 aprile al 13 maggio

Da oggi 29 aprile fino al 13 maggio 2024  saranno disponibili le funzioni telematiche per la presentazione delle istanze finalizzate alla partecipazione alla procedura per l’inclusione nelle Graduatorie d’Istituto di prima fascia del personale docente.

La procedura è riservata esclusivamente agli aspiranti iscritti nelle graduatorie ad esaurimento (GAE) secondo quanto stabilito dall’articolo 10 del Decreto Ministeriale n. 37 del 29 febbraio 2024.

Graduatorie d’Istituto prima fascia: la domanda

Il MIM ha comunicato l’apertura delle funzioni per la presentazione delle istanze di inserimento/aggiornamento sedi ai fini dell’inclusione nelle Graduatorie d’Istituto di prima fascia.

Le GI di prima fascia sono utilizzate per il conferimento di supplenze annuali e temporanee al personale docente.

Le istanze dovranno essere presentate esclusivamente in modalità telematica tramite il Portale Unico del Reclutamento (www.inpa.gov.it) dalle ore 12,00 del 29 aprile fino alle ore 23,59 del 13 maggio 2024.

Per accedere al servizio è necessario possedere le credenziali SPID o CIE ed essere abilitati al servizio “Istanze on Line” (accessibile anche tramite www.miur.gov.it).

Scelta della provincia

Gli aspiranti hanno la possibilità di essere inclusi nella prima fascia delle graduatorie d’istituto nella stessa provincia in cui sono inseriti nelle GAE o in una provincia diversa.

Ricordiamo che la provincia scelta deve coincidere con quella selezionata anche per le Graduatorie Provinciali per le Supplenze (GPS) e le relative graduatorie d’istituto di II e III fascia.

Scelta delle scuole

E’ consentito indicare fino a 20 istituzioni scolastiche della provincia prescelta.
Per la scuola dell’infanzia e primaria il limite è di 10 istituzioni, di cui massimo 2 circoli didattici.

 

Ti piacerebbe lavorare a scuola? Invia la tua domanda di messa a disposizione!

Ti è piaciuto il nostro articolo?

Per continuare a rimanere aggiornato su tutte le novità del mondo del lavoro nelle scuole, iscriviti alla nostra newsletter, clicca qui.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.