CdS: stop all’inserimento in GaE di diplomati magistrale e abilitati TFA/PAS

diplomati magistrale e abilitati tfa pas controllano la decisione del cds

Arriva una nuova decisione, importante, da parte del Consiglio di Stato circa la richiesta di inserimento nelle graduatorie ad esaurimento dei diplomati magistrale entro l’a.s. 2001/02 e degli abilitati tramite PAS o TFA.

Ricorso respinto

L’inserimento in GaE viene negato ai diplomati magistrale e abilitati TFA o PAS. Si tratta di un ricorso che viene dunque respinto dal CdS.

L’appello era stato presentato al Presidente della Repubblica da 61 docenti operanti in Valle D’Aosta. Questa decisione, ultima in ordine di tempo da pate del Consiglio di Stato in merito alla vicenda, va a toccare gli interessi sia dei diplomati magistrale che di tutti coloro i quali sono “in possesso di abilitazione all’insegnamento mediante la frequenza e il positivo superamento dei Tfa ovvero dei Pas”.

Ma quali sono le motivazioni che hanno spinto il Consiglio di Stato a respingere il ricorso?

Secondo l’organo statale, sarebbe d’ostacolo:

all’inserimento nelle graduatorie ad esaurimento di coloro che non ne avessero diritto ab origine (diplomati magistrali), il divieto legislativo espresso di integrare le ridette graduatorie, essendo consentito soltanto l’aggiornamento della posizione di quanti vi siano già inseriti.

Il Consiglio di Stato sostiene quindi che i diplomati magistrale e gli abilitati con TFA o PAS:

  • non avevano ab origine diritto di inserimento in GaE;
  • non possono più inserirsi, essendo le stesse graduatorie diventate ad esaurimento.

Plenaria Consiglio di Stato

A questo punto non resta che attendere il prossimo 20 febbraio, quando l’Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato si riunirà nuovamente per esaminare da zero la situazione dei diplomati magistrale ed emanare una nuova decisione.

Quella sarà l’occasione per esaminare uno per uno i ricorsi nuovamente sottoposti alla sua attenzione e la cui cautelare è stata dibattuta il 12 dicembre.

Ti è piaciuto il nostro articolo?

Per continuare a rimanere aggiornato su tutte le novità del mondo del lavoro nelle scuole, iscriviti alla nostra newsletter cliccando qui e metti mi piace alla nostra pagina di Facebook. :-)




    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *