Diplomati ITS nel mondo del lavoro: una garanzia

diplomati its che cercano lavoro

Gli Istituti Tecnici Superiori (ITS) rappresentano una importante novità formativa, dato che permettono un quasi immediato ingresso nel mondo lavorativo.

Questo è quanto emerge dai dati del monitoraggio nazionale 2019, realizzato dall’Istituto Indire. 

Gli esiti

Entrati in vigore solo di recente nel sistema formativo italiano, gli ITS sono subito diventati punte di eccellenza.

In base al recente monitoraggio Indire 2019, il numero degli iscritti ITS cresce di anno in anno, garantendo una qualità dell’offerta formativa elevata che facilita ai giovani l’ingresso nel mondo del lavoro.

L’efficacia degli ITS è rafforzata dalla partecipazione delle imprese, sia con attività di stage sia con la presenza delle medesime presso le Fondazioni ITS. 

I dati ufficiali

Gli studenti protagonisti del monitoraggio sono per lo più maschi (72,6%) distribuiti maggiormente nella fascia d’età 18-24 anni.

Il monitoraggio ha rilevato le dinamiche occupazionali a dodici mesi dal diploma per tutti gli studenti che hanno conseguito il titolo ITS nell’anno 2017. Si rileva che 8 diplomati su 10 hanno trovato lavoro entro un anno dal diploma ITS. Il 90% delle volte l’impiego occupato è coerente con il percorso ITS svolto. Circa la metà ha firmato un contratto a tempo determinato oppure ha lavorato con partita iva agevolata. 

I settori ITS che garantiscono percentuali di occupazione più elevate sono:

  • Sistema Meccanica (92%)
  •  Sistema Moda (86%)

Entrambi dell’ambito Made in Italy.

Buone anche le percentuali di:

  • Mobilità sostenibile (83%)
  • Tecnologie dell’informazione e della comunicazione (82,5%). 

I percorsi ITS di eccellenza sono stati premiati soprattutto nelle seguenti regioni: Lombardia (12 percorsi), Veneto (12 percorsi) ed Emilia-Romagna (8 percorsi). 

Per maggiori dettagli, puoi consultare qui il monitoraggio Indire 2019!

Il Ministro Bussetti ha firmato il decreto che fornisce 32 milioni di euro alle Regioni da destinare al fondo per il finanziamento degli ITS. Grazie a tale provvedimento, oltre 3.000 i giovani in più rispetto allo scorso anno potranno iscriversi agli ITS.

L’obiettivo di Bussetti è rafforzare il legame tra formazione e lavoro.

Assia Liberatore

Ti è piaciuto il nostro articolo?

Per continuare a rimanere aggiornato su tutte le novità del mondo del lavoro nelle scuole, iscriviti alla nostra newsletter, clicca qui.




    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *