Didattica a distanza, ragazzi più grandi rischiano di tornare a casa

Si torna a parlare di didattica a distanza. La curva dei contagi ricomincia a salire, e la priorità è assicurare la continuità delle attività economiche ma anche della stessa didattica, soprattutto per le fasce più basse di età. In Lombardia si sta pensando di far tornare i ragazzi più grandi a casa in modo da tenere maggiormente sotto controllo i contagi.

Ciò che preoccupa maggiormente, in relazione alla crescita dei contagi, è l’assembramento che si verifica puntualmente nei mezzi pubblici che trasportano i ragazzi. Proprio questo, ancor più degli assembramenti fuori dalla scuola o dai contatti in classe, è stato individuato come momento maggiormente a rischio per i ragazzi.

Il rischio maggiore con i ragazzi, e che, potendo essere asintomatici, rischiano di portare il virus nelle loro abitazioni, dove ci possono essere soggetti fragili e dunque a rischio complicazioni.

Le fasce di età inferiori dovrebbero proseguire con la didattica in presenza in quanto:

  • prendono meno i mezzi pubblici;
  • istruire un bambino di 10 anni a casa con la didattica a distanza vuol dire costringere un genitore a restare a casa, prospettiva drammatica in un momento come questo.

Ti è piaciuto il nostro articolo?

Per continuare a rimanere aggiornato su tutte le novità del mondo del lavoro nelle scuole, iscriviti alla nostra newsletter, clicca qui.




    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *