Concorso straordinario, via alle correzioni dopo la conclusione degli scritti

bando-graduatorie-ata

Un primo importante tassello verso la ricostruzione del mondo dell’istruzione italiana è stato posto grazie alla conclusione delle prove del concorso straordinario.

Il concorso, avviato lo scorso autunno in un momento in cui sembrava difficile riuscire a completarlo, ha vissuto di un nuovo capitolo. Le polemiche scatenate nel momento in cui il ministro Azzolina aveva deciso di avviare comunque il concorso, purtroppo si rivelarono fondate. Dopo poche settimane i numeri suggerirono lo stop del concorso che è stato possibile riprendere solo ora, nonostante la pandemia sia lungi dall’essere risolta.

Le prove sono state completate lo scorso 19 febbraio, e hanno consentito di completare la prima parte del concorso straordinario. Tutto sommato si può parlare di una buona affluenza, considerato che i candidati presenti sono stati 56.101, over l’84,9% del totale. Vista la situazione (positivi, quarantene, difficoltà nello spostamento e paura) un buon risultato.

Ogni aula ha visto la presenza di una media di 9,6 candidati, per consentire gli standard di sicurezza. Il concorso mette in palio a livello nazionale per l’assegnazione di 32.000 posti. Ora la seconda fase è costituita dalla correzione delle prove scritte (già avviata), in modo da avere i risultati prima dell’estate.

Ti è piaciuto il nostro articolo?

Per continuare a rimanere aggiornato su tutte le novità del mondo del lavoro nelle scuole, iscriviti alla nostra newsletter, clicca qui.




    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *