Concorso ordinario secondaria 2019: cosa aspettarsi

libreria in casa di docente interessato al concorso ordinario secondaria 2019.

Cominciano a delinearsi i contorni del nuovo concorso ordinario previsto per la scuola secondaria. Non è ancora disponibile il bando, ma dovrebbe arrivare a breve, possibilmente anche entro il 2019.

Il numero delle procedure

Nel frattempo però si conoscono già alcune importanti novità che riguardano il numero delle procedure alle quali ciascun candidato potrà partecipare.

Sono cambiamenti previsti dalla legge di bilancio, tra i quali spicca quello riguardante il numero di procedure. La decisione è di fare in modo che sia limitato, al contrario di ciò che avveniva in passato.

Per il concorso ordinario secondaria si è deciso di renderlo disponibile a un massimo di 4 procedure. Non cambiano i vincoli legati al possesso dei requisiti richiesti. Ma ogni candidato potrà partecipare ad un massimo di quattro procedure:

  1. per la scuola secondaria di primo grado (per una sola classe di concorso),
  2. per la scuola secondaria di secondo grado (per una sola classe di concorso),
  3. per i posti di sostegno della scuola secondaria di primo grado
  4. per i posti di sostegno della scuola secondaria di secondo grado.

L’articolo 3, comma 5, del Decreto Legislativo 59/2017, infatti, stabilisce:

I candidati indicano nella domanda di partecipazione per quali contingenti di posti intendono concorrere. Ciascun candidato può concorrere in una sola regione, per una sola classe di concorso, distintamente per la scuola secondaria di primo e di secondo grado, nonché per il sostegno, qualora in possesso dei requisiti di accesso di cui all’articolo 5.

Il sostegno

Resta fissato il paletto secondo cui la partecipazione al concorso per i posti di sostegno richiede il possesso della specializzazione per il relativo grado di scuola.

Al momento i posti previsti dal bando per il concorso ordinario saranno circa 24.000 mila. Saranno suddivisi tra posto comune e sostegno.

Ti è piaciuto il nostro articolo?

Per continuare a rimanere aggiornato su tutte le novità del mondo del lavoro nelle scuole, iscriviti alla nostra newsletter, clicca qui.




    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *