Concorso DSGA: disponibile la griglia di valutazione della prova orale

Con l’approssimarsi della prova orale relativa al concorso per Direttore dei servizi generali e amministrativi (DSGA), il MIUR pubblica la griglia di valutazione alla quale ciascuna Commissione dovrà attenersi. Si ricorda che alla prova orale accedono gli aspiranti che abbiano ottenuto un punteggio di almeno 21/30 in entrambe le prove scritte.

 

La prova orale

Ai sensi dell’articolo 14 del bando di concorso DSGA 2018, la prova orale accerta la preparazione professionale dell’aspirante:

  • sulle materie oggetto d’esame, già affrontante in forma scritta;
  • sulla capacità di risolvere un caso riguardante la funzione di DSGA.

 

Inoltre, durante il colloquio, il candidato dovrà dimostrare:

  • di conoscere la lingua inglese tramite la lettura e la traduzione di un testo selezionato dalla Commissione;
  • di saper utilizzare gli strumenti informatici e le tecnologie della comunicazione di più comune impiego.

 

Prima dell’avvio della prova orale, la Commissione o le sottocommissioni esaminatrici stabiliscono i quesiti da porre ai singoli candidati per ciascuna delle materie di esame. Tali quesiti sono presentati a ciascun candidato previa estrazione a sorte. E’ possibile proporre anche quesiti unici, atti a una verifica complessiva degli ambiti disciplinari.

 

La griglia di valutazione

Il colloquio orale ha una durata totale di 30 minuti. Il punteggio ottenibile è di massimo 30 punti e si fonda sui criteri riportati nella seguente griglia valutativa.

I criteri di valutazione sono 5 e riguardano:

  • la padronanza dei contenuti disciplinari;
  • la capacità di risolvere un caso professionale;
  • la capacità comunicativa;
  • la competenza informatica;
  • l’abilità di lettura e traduzione in lingua inglese.

I criteri sono riportati in ordine decrescente di valutazione. I primi due criteri, specifici per il profilo di DSGA, sono valutati da 0 a 8 punti e coprono più della metà del punteggio ottenibile. La capacità comunicativa è valutata da 0 a 6, mentre alle competenze informatiche e di lingua inglese si assegna una valutazione compresa rispettivamente tra 0 a 5 punti e tra 0 a 4 punti.

 

Assia Liberatore

Ti è piaciuto il nostro articolo?

Per continuare a rimanere aggiornato su tutte le novità del mondo del lavoro nelle scuole, iscriviti alla nostra newsletter, clicca qui.




    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *