Disposizioni sul concorso docenti del primo ciclo: come si svolgerà?

cattedra per docenti del primo ciclo dopo concorso

Nelle ultime ore è stato pubblicato il decreto che contiene le disposizioni relative al prossimo concorso docenti del primo ciclo di istruzione. 

I criteri di accesso

Il decreto n.327, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.105 del 7 maggio 2019, espone i criteri d’accesso al prossimo concorso scolastico del primo ciclo. 

Ai sensi di tale decreto, gli aspiranti docenti della scuola dell’infanzia e primaria potranno partecipare se in possesso di uno dei seguenti titoli di accesso:

  • titolo di abilitazione all’insegnamento conseguito tramite laurea in scienze della formazione primaria;
  • diploma magistrale abilitante, diploma sperimentale ad indirizzo linguistico o analogo titolo svolto all’estero, in ogni caso conseguiti entro l’a.s. 2001/2002.

Si precisa che sono ammessi con riserva gli aspiranti docenti che hanno conseguito il titolo di accesso all’estero, a patto di aver già presentato istanza di riconoscimento del medesimo. 

In merito all’accesso ai posti di sostegno, gli aspiranti docenti della scuola del primo ciclo dovranno possedere un titolo di specializzazione specifico. 

La procedura concorsuale 

Il decreto n.327, inoltre, descrive la procedura concorsuale che si articolerà nel seguente modo:

  • una eventuale prova preselettiva, qualora il numero di candidati superi di quattro volte il numero di posti messi a bando;
  • una prova scritta;
  • una prova orale;
  • valutazione dei titoli posseduti. 

In dettaglio, la prova scritta sarà composta da tre quesiti: due a risposta aperta e uno con sotto-quesiti a risposta chiusa riguardante la lingua inglese. 

Per i posti comuni, i due quesiti a risposta aperta riguarderanno tematiche disciplinari, culturali e professionali volti alla conoscenza delle metodologie didattiche nella scuola primaria e dell’infanzia.

Per i posti di sostegno, i due quesiti a risposta aperta saranno inerenti le metodologie didattiche da applicare alle varie condizioni di disabilità e all’inclusione degli alunni diversamente abili. 

Sia per i posti comuni che per i posti di sostegno è previsto un terzo quesito riguardante la lingua inglese: esso verrà ripartito in otto domande a risposta chiusa e riguarderà un livello di inglese B2. 

I punteggi

La commissione avrà a disposizione un punteggio totale di 100 punti così ripartito:

  • fino a 40 punti per la prova scritta;
  • fino a 40 punti per la prova orale;
  • fino a 20 punti per i titoli posseduti.

Per il superamento del concorso, la soglia minima da raggiungere è 28 punti su 40 sia per la prova scritta sia per la prova orale. 

Assia Liberatore

Ti è piaciuto il nostro articolo?

Per continuare a rimanere aggiornato su tutte le novità del mondo del lavoro nelle scuole, iscriviti alla nostra newsletter, clicca qui.




    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *