Concorso docenti 2020: pubblicato il decreto

scrivania di docente che cerca dove inviare domande per aggiornamento graduatorie a esaurimento

Il concorso docenti 2020 è alle porte. Il 21 aprile, infatti, è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto che disciplina lo svolgimento delle varie procedure concorsuali.

Ogni aspirante potrà candidarsi per una sola regione e per una sola classe di concorso di ogni grado scolastico.

Le prove

Considerando l’alto numero di domande atteso, i candidati probabilmente sosterranno una prova pre-selettiva di tipo computer-based. 

Le prove scritte saranno due:

  • la prima, composta da una a tre domande a risposta aperta, riguarderà la disciplina specifica;
  • la seconda sarà costituita da due domande: una inerente i contenuti antro-psico-pedagogici, l’altra riguardante le metodologie didattiche della disciplina impartita.

Alle prove scritte verrà assegnato un punteggio di massimo 40 punti.

La prova orale prevede:

  • la discussione di un argomento specifico della disciplina avvalendosi di metodologie didattiche scelte dal candidato;
  • la verifica della conoscenza di una lingua straniera.
  • Limitatamente alle discipline tecnico-pratiche, la prova orale avrà pure carattere pratico.

Anche all’orale verrà assegnato un punteggio fino a 40 punti e avrà una durata massima di 45 minuti.

I titoli di studio e servizio posseduti dal candidato saranno valutati fino a 20 punti.

Si ricorda che, con il superamento di tutte le prove del concorso docenti 2020, si otterrà l’abilitazione all’insegnamento.

Assia Liberatore

Ti è piaciuto il nostro articolo?

Per continuare a rimanere aggiornato su tutte le novità del mondo del lavoro nelle scuole, iscriviti alla nostra newsletter, clicca qui.




    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *