Assegnazioni provvisorie: via libera per i docenti FIT

docente fit interessato alle assegnazioni provvisorie

Le assegnazioni provvisorie per l’a.s. 2019/20 sono riservate anche ai docenti FIT individuati entro il 31 agosto 2018. Il contratto, come si era già detto in fase di presentazione, sarà triennale, ma le domande annuali.

Vediamo tutti gli aspetti nel dettaglio.

Comune e distretto

Si torna alle preferenze del comune e del distretto così come già previsto per i trasferimenti.

Questo significa che potranno presentare domanda anche i docenti che saranno soddisfatti nella mobilità interprovinciale nella provincia di ricongiungimento, eliminando quindi un ulteriore vincolo rispetto all’anno scolastico precedente.

Mobilità annuale

Un’altra novità sarà il ritorno alla possibilità di partecipare alla mobilità annuale, anche tra distretti sub-comunali, per i docenti beneficiari di una delle precedenze previste dall’art. 8 del Contratto.

Diventa necessario indicare fra le preferenze il comune o distretto subcomunale in cui i docenti svolgono le attività di assistenza e/o cura, o dove risiede il familiare al quale si chiede il ricongiungimento.

Cosa succede nel caso in cui non venga inserito il codice sintetico e di contestuale espressione di scuole di altri comuni?

La buona notizia è che la domanda non sarà annullata, ma verrà presa in considerazione esclusivamente per le preferenze del comune senza beneficiare della precedenza.

Sostegno

Le domande di assegnazione provvisoria interprovinciale potranno essere anche su posti di sostegno per quei docenti privi di specializzazione che, però, siano stati ammessi al TFA sostegno o, in subordine, abbiano almeno un anno di servizio su sostegno.

Ricongiungimento

Non viene meno il requisito di ricongiungimento/cura e al termine della sequenza operativa che prevede ogni tutela per i docenti, con titolo sia di ruolo che supplenti.

Ti è piaciuto il nostro articolo?

Per continuare a rimanere aggiornato su tutte le novità del mondo del lavoro nelle scuole, iscriviti alla nostra newsletter, clicca qui.




  1. giovanni 18 Giugno 2019 18:21

    Salve io sono laureato da tre anni in scienze dell’educazione e della formazione,come educatore della prima infanzia ho lavorato solo all’interno delle comunità e non ho mai insegnato,ma per fare domanda per un asilo statale cosa mi occorre e come mi devo muovere?

    • Redazione 20 Giugno 2019 10:14

      Ciao Giovanni, puoi chiedere maggiori informazioni al nostro team di consulenti. Clicca su Chiedilo all’esperto!

  2. Cristiana 18 Giugno 2019 15:16

    Buongiorno. Mi sono laureata in Lingue e Letterature Straniere nel 1990 ed ho conseguito l’abilitazione all’insegnamento della Lingua Inglese nel 2000. Ho lavorato nella scuola solo tramite supplenze temporanee dal 1994 al 1998 circa. Non sono più iscritta ad alcuna graduatoria e non ho il requisito dei 3 anni di insegnamento.
    Che opportunità ho di ricominciare a lavorare nella scuola? Posso partecipare anch’io al prossimo concorso? Grazie infinite per un Vs suggerimento su come muovermi.

    • Assia Liberatore 18 Giugno 2019 16:36

      Cristiana, con l’abilitazione potrai partecipare al prossimo concorso ordinario. Non potrai invece effettuare il PAS che è dedicato a chi ha almeno 3 anni di servizio (180 giorni x 3)

  3. Lucia 18 Giugno 2019 15:08

    Io sono una docente ITP, ho conseguito l’abilitazione nel lontano 1994 con concorso ordinario.Non ho mai insegnato perché non vi erano i posti.Adesso sono 2 anni che insegno e sono inserita nelle graduatorie di istituto ,non posso accedere alle GAE e mi è stato detto che devo rifare il concorso (ordinario o straordinario)?.

    • Assia Liberatore 18 Giugno 2019 16:40

      Lucia, potrai partecipare al prossimo concorso ordinario in quanto sei ITP e inoltre hai anche l’abilitazione. Dato che al prossimo concorso ordinario potranno partecipare gli ITP privi di abilitazione, nel tuo caso tu dovresti avere del punteggio aggiuntivo. Avresti dovuto partecipare ai precedenti concorsi 2016 e 2018 entrambi dedicati a chi come te è abilitato. Essendo abilitata, vedremo se potrai partecipare anche al concorso straordinario.

  4. Eleonora Gugliotta 13 Giugno 2019 13:00

    Come praticamente sempre, e qui ammetto le mie colpe, non riesco ad avere chiare le info che vengono fornite riguardo questo macchinoso mondo della scuola. “Le assegnazioni provvisorie per l’a.s. 2019/20 sono riservate anche ai docenti FIT individuati entro il 31 agosto 2018” Questa info riguarda soltanto i docenti che hanno fatto già i FIT o “anche”? Se è “anche” quali altri sono coloro che possono dare attenzione a questa info.

    • Assia Liberatore 13 Giugno 2019 20:52

      Cara Eleonora,
      le assegnazioni provvisorie sono domande esprimibili dai docenti (e anche ATA) in ruolo. I docenti FIT sono docenti neoimmessi in ruolo in attesa di conferma definitiva del ruolo. Leggi anche gli altri articoli pubblicati nel corso di questa settimana che ne spiegano bene il significato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *