Assegnazione e utilizzazione provvisoria 2019-2020

docente che cerca informazioni su utilizzazioni e assegnazioni provvisorie

In attesa dei risultati della mobilità, previsti per fine giugno, si pensa già alla domanda di assegnazione e utilizzazione provvisoria per i lavoratori del comparto scolastico. 

Non sono ancora chiare le nuove disposizioni in vista del contratto triennale, tuttavia si richiamano in questa sede le caratteristiche generali della domanda. 

Assegnazione provvisoria

Che cosa si intende per assegnazione provvisoria?

Si tratta di una domanda di mobilità di durata annuale. Lo spostamento, che può essere richiesto a particolari condizioni, è dunque temporaneo e non incide sulla sede di titolarità del lavoratore. Ciò significa che il lavoratore rimane titolare nella scuola di provenienza. 

Utilizzazione provvisoria

La domanda di utilizzazione segue le stesse procedure di quella di assegnazione (infatti il modulo è il medesimo), tuttavia è destinata al solo personale in esubero, cioè perdente posto nell’anno o nei nove precedenti. Anch’essa ha durata annuale.

Chi può presentare domanda?

Il personale scolastico, ossia docenti, educatori e personale ATA, possono presentare domanda di assegnazione/utilizzazione provvisoria nei seguenti casi:

  • ricongiungimento ai figli o agli affidati di minore età con provvedimento giudiziario
  • ricongiungimento al coniuge o alla parte dell’unione civile o al convivente, purché la stabilità della convivenza risulti da certificazione anagrafica
  • gravi esigenze di salute del richiedente comprovate da idonea certificazione sanitaria
  • ricongiungimento al genitore convivente qualora non ricorrano le condizioni di cui alla prima o alla seconda ipotesi
  • ottenimento del trasferimento nella stessa provincia di titolarità ma per un comune diverso da quello in cui si ha la precedenza.

Si ricorda che, a differenza dei neo-immessi tramite concorso 2016, i docenti al terzo anno FIT non potrebbero richiedere l’assegnazione provvisoria. Ciò dovrà essere confermato nei prossimi giorni. 

La domanda potrà essere inoltrata all’ufficio scolastico provinciale attraverso il portale IstanzeOnline, inserendo gli opportuni allegati che attestino uno dei casi sopra elencati.

Al momento non si conoscono i termini temporali, ad ogni modo durante il mese di luglio si inoltrerà la domanda, mentre ad agosto se ne conoscerà l’esito. 

Assia Liberatore

Ti è piaciuto il nostro articolo?

Per continuare a rimanere aggiornato su tutte le novità del mondo del lavoro nelle scuole, iscriviti alla nostra newsletter, clicca qui.




    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *