Tutto quello che devi sapere sulle ore eccedenti all’insegnamento

ore-eccedenti-insegnamento

Per i docenti il lavoro non si esaurisce nelle proprie lezioni: esiste infatti la possibilità di coprire le cosiddette ore eccedenti all’insegnamento. Ti spieghiamo tutto qui.

Ore eccedenti ed attività aggiuntive

Innanzitutto dobbiamo fare una distinzione fondamentale, tra attività aggiuntive e ore eccedenti.

Le attività aggiuntive di insegnamento sono quelle che si sommano all’orario obbligatorio per realizzare delle attività didattiche, progetti, iniziative, previsti nel Pof. Il docente decide secondo propria volontà di dedicare questo tempo alla scuola, e viene retribuito con il Fondo di istituto.

Le ore eccedenti consistono invece in:

  • le ore prestate in sostituzione dei colleghi assenti (volontarie, occasionali e temporanee)
  • tra 1 e 6 ore di insegnamento in classi collaterali, che un docente con orario intero accetta volontariamente di coprire, con un impegno che diventa così di durata annuale.

Chi può coprire le ore eccedenti

È il Dirigente Scolastico ad assegnare queste ore, «che non concorrono a costituire cattedre o posti orario», al personale abilitato in servizio nella scuola. Questo è il requisito primario per essere selezionati: l’abilitazione per la specifica classe di concorso.

Non è richiesto l’inserimento in graduatoria ad esaurimento o d’istituto per la classe di concorso in cui si verrà impiegati (se parliamo di personale a tempo determinato), mentre l’assegnazione può riguardare un docente titolare su un’altra cdc.

Nell’ordine, il Preside selezionerà:

  1. personale in servizio nella scuola con diritto al completamento, fino al raggiungimento dell’orario di servizio obbligatorio
  2. personale di ruolo con orario intero
  3. personale a tempo determinato ad orario intero

Il completamento deve sempre avvenire “fino al raggiungimento dell’orario obbligatorio di insegnamento previsto per il corrispondente personale di ruolo”, quindi le classiche 18 ore nella scuola secondaria.

La retribuzione delle ore eccedenti

Ci rifacciamo per questo punto alla Nota del MEF prot. 32509 del 6 aprile 2016, in cui si fornivano agli organi di controllo indicazioni utili e pratiche sul tema.

Secondo il documento, i contratti per l’attribuzione di ore che superino l’orario obbligatorio di insegnamento, dovranno essere stipulati con decorrenza dall’inizio effettivo delle attività didattiche, o dell’effettivo inizio della prestazione, e termine alla data del 30 giugno (termine attività didattica), ad eccezione dei contratti correlati a cattedre riguardanti ore eccedenti “istituzionali” in quanto legate a particolari costituzione di cattedre.

Continua a seguirci per scoprire i meccanismi del mondo della scuola.

Condividi l'articoloShare on Facebook21Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *