Come acquisire i 24 crediti universitari per partecipare al FIT

crediti-fit

Il 10 agosto 2017 è stato firmato il Decreto Ministeriale 616 che definisce i settori scientifico disciplinari nei quali è necessario acquisire i 24 crediti universitari per partecipare ai futuri concorsi nella scuola secondaria – FIT. Approfondiamo il tema insieme.

Abbiamo già affrontato l’argomento dei FIT in questo articolo, seguiamone ora gli sviluppi.
Per il momento sono esentati dal conseguimento di questi crediti:

  • i docenti abilitati entro il 31 maggio 2017
  • i docenti che, alla data di scadenza dei bandi di concorso, abbiano minimo 3 anni di servizio, di cui almeno 1 anno di servizio sia stato svolto nella classe di concorso per la quale intendono concorrere.

Di che crediti parliamo

Tali crediti possono essere conseguiti sia come “crediti curricolari”, sia come “crediti aggiuntivi”, sia, infine, come “crediti extra- curricolari”.

Vediamo nello specifico in cosa si distinguono:

  • Crediti curricolari: quelli conseguiti da studenti universitari e studenti AFAM corrispondenti ad attività formative inserite nel piano di studi del corso di laurea, o laurea magistrale, sia di primo che di secondo livello dell’interessato;
  • Crediti aggiuntivi: quelli conseguiti da studenti universitari e da studenti AFAM corrispondenti ad attività formative svolte in forma aggiuntiva, rispetto a quelle del piano di studi del corso di laurea, o laurea magistrale, sia di primo che di secondo livello dell’interessato;
  • Crediti extra-curricolari: quelli conseguiti a seguito di attività formative svolte dagli interessati presso istituzioni universitarie o accademiche, senza essere iscritti ad uno specifico corso di studio.

È necessario specificare che il decreto per “istituzioni universitarie” e “accademiche” intende le università statali e non statali, incluse le università telematiche, e le istituzioni facenti parte del sistema dell’alta formazione e specializzazione artistica e musicale – AFAM – di cui alla L. 21 del dicembre 1999, n. 508, e le Accademie di Belle Arti legalmente riconosciute.

Ne consegue che prima di iscriversi a qualsiasi corso, volto all’acquisizione di suddetti crediti, è necessario verificare che l’ente al quale ci si rivolge sia contemplato in quelli previsti dalla norma appena citata.

Gli ambiti disciplinari

Vediamo ora in quali ambiti disciplinari è necessario acquisire i crediti:

  1. Pedagogia, pedagogia speciale e didattica dell’inclusione;
  2. Psicologia;
  3. Antropologia;
  4. Metodologie e tecnologie didattiche.

Nello specifico:

  • tra questi quattro ambiti sarà necessario acquisire almeno 6 crediti per tre di questi ambiti a scelta del candidato.
    Facciamo un esempio: si può scegliere di ottenere 8 crediti nell’Ambito 1, 8 nell’Ambito 3, e 8 nell’Ambito 4.
  • solo 12 dei 24 CFU possono essere acquisiti in modalità telematica.

Ulteriori dettagli dal Decreto

Il Decreto prevede che le istituzioni universitarie e le accademie interessate possono istituire dei percorsi specifici formativi, individuati sia per classi di concorso che per gruppi di esse, finalizzati all’acquisizione dei 24 crediti: gli obiettivi formativi sono indicati nell’allegato A dello stesso Decreto, così come i contenuti e le attività formative previsti nell’allegato B.

Infine, il Decreto prevede anche un limite di spesa massimo di 500 € per il conseguimento dei crediti: questa somma dovrà essere proporzionalmente ridotta in base al numero di crediti eventualmente già posseduti, perché già presenti nel proprio percorso di studi.

Qui trovi gli Allegati A e B del Decreto!

Per concludere: coloro i quali siano interessati a conseguire i 24 CFU dovranno verificare innanzitutto, usando l’allegato B, se hanno già acquisito una parte dei crediti previsti nel loro piano di studi, o in eventuali master o dottorati frequentati, poi scegliere una università, dove integrarli opportunamente, la quale abbia istituito il percorso specifico previsto per rilasciare la certificazione necessaria a poter accedere al FIT. La stessa università, comunque, provvederà, attraverso una propria commissione, a verificare quali sono i crediti da integrare, rispetto a quelli che già avete, stabilendo il percorso da seguire per ottenere la certificazione completa per i 24 CFU.

di Fabiola Ortolano

Condividi l'articoloShare on Facebook65Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone
  1. FRANCESCA 17 ottobre 2017 13:29

    non ho fatto in tempo per la certificazione dei 24 cfu.
    Come posso fare per la certificazione dato che sono già in possesso?per chi li dovesse ancora ottenere dovrà comunque certificarli, ci sarà un nuovo avviso per le certificazioni?

    • Redazione 17 ottobre 2017 16:27

      Ciao Francesca, puoi fare la tua domanda direttamente ai nostri consulenti alla pagina Chiedilo all’esperto.

  2. LEO TALAMINI 13 ottobre 2017 8:23

    Mi sembra una cosa alquanto macchinosa e creata per far spendere soldi a precari o neo laureati che hanno già fatto 5 anni di università.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *